Carepy: l’app che connette pazienti, farmacisti e medici

 In Intervista alla startup
carepy davide sirago

Oggi abbiamo il piacere di intervistare il CEO della startup italiana Carepy: Davide Sirago.

Scopriamo insieme cosa fa, come utilizza i dati degli utenti, come è nata l’idea e come acquisisce nuovi utenti.

Ciao Davide e benvenuto!

Iniziamo!

Raccontaci un po’ della vostra startup: cosa fate? a chi vi rivolgete? che problema volete risolvere?

Carepy è il servizio digitale che gestisce i farmaci e le terapie della famiglia, che permette di migliorare la qualità della vita dei malati e di chi li assiste.

Siamo partiti da un problema molto diffuso in Europa: la bassa aderenza terapeutica e la mancata gestione nelle nostre case dei farmaci e dei prodotti per la salute. Più della metà dei pazienti europei non si prende cura di sé stesso in maniera idonea, non seguendo adeguatamente i propri piani terapeutici e trattamenti medici o non sapendo quali prodotti sono presenti in casa.

Carepy fornisce ai cittadini un’ assistente digitale della salute tramite app mobile che segnala quando assumere i medicinali, quando effettuare misurazioni, quando recarsi ad un appuntamento o tornare in farmacia e che fornisce consigli e promozioni personalizzate.

Il punto di forza è la creazione della squadra della salute: attraverso la piattaforma informatica integrata, infatti, è possibile l’interazione tra paziente, caregiver, medico e farmacista.

Carepy supporta la famiglia quotidianamente nella gestione della cura, al farmacista fornisce uno strumento di fidelizzazione e al medico uno strumento di monitoraggio dell’aderenza terapeutica.

n.d.r. qui puoi dare un’occhiata alla app:

 

 

Il tema della protezione dei dati è molto sensibile in ambito medico: quali precauzioni utilizzate per gestire i dati sensibili?

Siamo molto attenti a questo tema e da subito abbiamo messo al riparo tutti coloro che aderiscono al servizio, siano pazienti che professionisti. I dati che si inseriscono nelle piattaforme digitali sono di proprietà dell’utente finale.

Vi è una co-titolarità nel trattamento dei dati personali affidata all’azienda Carepy per quanto riguarda la manutenzione e l’assistenza, e ai professionisti sanitari per quanto riguarda l’erogazione del servizio.

Come bilanciate i vostri sforzi tra l’acquisizione degli utenti finali, dei farmacisti e dei dottori?

Per gli utenti finale scaricare l’app e iniziare ad usarla è intuitivo, basta smanettarci un po’, in quanto è presente gratuitamente su tutti gli store digitali e viene consigliata dei professionisti sanitari aderenti a Carepy.

L’acquisizione dei nuovi professionisti richiede un tempo maggiore, in quanto è frutto di un lavoro di lead generation e proposizione commerciale.

Inoltre, ogni volta che entra a far parte della famiglia di Carepy una nuova farmacia, ad esempio, la affianchiamo e con delle demo specifiche spieghiamo in maniera dettagliata le funzioni e le potenzialità della piattaforma. All’interno della stessa farmacia realizziamo una giornata di affiancamento, in cui i nostri farmacisti specializzati formano e supportano i collaboratori e avvicinano i pazienti a Carepy nell’arco dell’intera giornata.

 

Come è nata l’idea? vi siete ispirati a qualcosa di esistente, o da un vostro bisogno, o altro…?

Il sistema digitale Carepy, termine ottenuto dall’unione delle parole inglesi Care (cura) e Therapy (terapia), è nato da un’intuizione a seguito di un reale bisogno.

Mi sono trovato all’improvviso a dover prendermi cura di un parente e mi sono reso subito conto della difficoltà nel dover ricordare tempi e dosaggi giusti della terapia indicata dal medico, soprattutto perché i farmaci indicati erano tanti. Ho pensato di non essere l’unico in questa situazione e dalla mia esperienza ho cercato di trovare una soluzione che potesse aiutare tutti a gestire con facilità le terapie.

Con passare del tempo abbiamo continuato a migliorare il servizio aggiungendo nuove funzionalità.

Come utilizzate il digital marketing per acquisire nuovi utenti finali, farmacie e dottori?

Al momento i due settori che stiamo spingendo di più sono pazienti e farmacisti.

Per raggiungere due pubblici diversi è imprescindibile un ottima strategia di storytelling capace di raccontare tutti i vantaggi dell’utilizzo dell’app per i primi e della piattaforma per i secondi.

Il nostro punto di partenza è, dunque, il sito e la parte dedicata al blog, sempre aggiornato e capace di ottenere buoni riscontri grazie alla SEO.

Inoltre, curiamo anche i social Facebook, Twitter, LinkedIn e Youtube, per diffondere con maggiore velocità e capillarità i nostri contenuti.

Teniamo in gran conto gli influencer e quando possibile li coinvolgiamo.

Grazie Davide e in bocca al lupo!

Se vuoi conoscere altre startup italiane della salute ecco il link.

Post suggeriti

Cosa ne pensi di questo articolo? Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Inizia a digitare e premi invio per effettuare una ricerca