Costituire una startup: meglio online o da un notaio?

costituire una startup, online o dal notaio

La costituzione di una startup è un momento anche simbolico per un imprenditore. Quella che prima era solo un’idea, oggi è un’azienda vera e propria, riconosciuta dallo stato.

Ma c’è forse un dubbio che attanaglia gli startupper. Costituire online oppure dal notaio?

Al termine di questi articolo saprai cosa scegliere. Sei pronto?

ATTENZIONE. Il Consiglio di Stato ha annullato il decreto che consente alle startup innovative di costituirsi online. L’unica possibilità (in attesa di una nuova legge) rimane quindi la costituzione notarile. Clicca qui per approfondire.

Powered by:

Creazione impresa

CreazioneImpresa è una società benefit nata da un network di professionisti senior specialisti in startup che offrono assistenza dalla costituzione, al business planning, al funding, alla gestione di piani di incentivazione e work for equity, oltre che assistenza contabile, fiscale e legale.

Il benefit per le startup: 10% di sconto sui servizi Creazioneimpresa. Richiedi un preventivo compilando il form.

Costituzione di una startup

Prima però dobbiamo fare una veloce premessa. Cosa significa costituire una società?

La costituzione di una startup è quel processo tramite cui una o più persone conferiscono beni o servizi per l’esercizio in comune di un’attività economica allo scopo di dividerne gli utili.

Il suddetto processo spesso risulta complicato, proprio per questo motivo è consigliabile affidarsi ad esperti del settore.

L’iter burocratico per costituire una società infatti comprende:

  1. la creazione dell’atto costitutivo;
  2. la realizzazione dello statuto;
  3. iscrizione al registro delle imprese.

Vediamo però quali sono i requisiti affinchè una startup possa essere costituita come tale e quindi beneficiare delle agevolazioni.

 

I requisiti per costituire una startup innovativa

Requisiti per costituire una startup

I requisiti obbligatori affinchè una startup innovativa possa essere costituita sono:

  • il valore totale annuo della produzione deve essere inferiore a 5 milioni di euro;
  • avere sede in Italia;
  • non deve distribuire utili;
  • non venga costituita a seguito di una fusione o di una scissione societaria.

Ci sono poi altri tre requisiti alternativi. Di questi è necessario che la futura startup ne soddisfi anche uno solo.

In particolare:

  • è richiesta una spesa in ricerca e sviluppo pari o superiore al 15% rispetto al valore maggiore tra fatturato e costi annui.
  • almeno ⅓ della forza lavoro deve avere un dottorato di ricerca o almeno i ⅔ una laurea magistrale;
  • essere in possesso di un brevetto.

Se vuoi approfondire i requisiti necessari per essere startup innovativa e scoprirne le agevolazioni clicca qui.

 

È meglio costituire online o dal notaio?

Arriviamo quindi al motivo principale per cui questo articolo è stato scritto: costituzione online vs costituzione dal notaio.

Non c’è dubbio che la costituzione online possa strizzare l’occhio a tutti gli startupper che vogliono risparmiare tempo e magari anche denaro.

Tuttavia, nonostante l’apparente vantaggio, costituire una società in autonomia è complesso e richiede comunque tempi che spesso possono diventare molti lunghi.

Vediamo quindi come funziona la costituzione online e cosa è necessario fare.

 

Imposte per la costituzione online

Costituizione di una startup online

Ovviamente costituire una startup, anche se online, non è gratuito. In qualsiasi caso, infatti, è necessario pagare una serie di imposte.

Per esempio, l’imposta di registro, che equivale a 200€.

Non è poi così certo che non si debbano pagare le imposte di bollo.

È vero che, tra le agevolazioni che spettano alle startup, rientra proprio l’esenzione delle imposte di bollo. Rimane però il dubbio che questo vantaggio valga anche prima della sua costituzione effettiva.

Bisogna poi fare la distinzione tra due tipi di procedure di costituzione:

  1. ex articolo 25 CAD;
  2. articolo 24 CAD.

La prima permette di costituire la propria startup contestualmente sia nella sezione speciale delle startup che in quella ordinaria. In questo caso le imposte di bollo sono sicuramente esentate.

Nel secondo caso, quello dell’articolo 24 CAD, l’iscrizione è provvisoria, in attesa che la camera di commercio approvi la richiesta di costituzione. Scegliendo questa procedura le imposte di bollo probabilmente devono essere pagate.

 

Procedura e tempistica per la costituzione online

Dopo aver predisposto l’atto costitutivo e ottenuta la ricevuta si può trasmettere i documenti al registro delle imprese tramite l’apposito portale.

Anche in questo caso la procedura è spesso complessa e richiede particolari accorgimenti che se non si è esperti possono venire a mancare.

In particolare:

  1. La descrizione dell’attività innovativa;
  2. La descrizione esercitata nella sede.

E i tempi con cui le camere di commercio comunicano l’esito della costituzione?

Anche in questo caso nulla è certo e molto dipende anche dal tipo di procedura scelta, la 25 CAD piuttosto che la 24 CAD. Inoltre ogni Camera di Commercio hai i suoi tempi e le sue procedure con le quali occorre confrontarsi e che spesso bisogna assecondare per velocizzare.

Nel primo caso, infatti, è necessario attendere che la camera di commercio convochi i soci per i passi successivi.

Ma per lo meno la valutazione inizierà prima di fissare un appuntamento.

Nel caso del 24 CAD i tempi invece rischiano di essere ancora più lunghi proprio perché i controlli iniziano solo dopo che l’intera procedura è stata portata a termine.

E poi dovranno anche essere richieste le varie conferme da parte di diversi enti pubblici, i quali hanno anch’essi i loro tempi.

 

Costi e tempistiche per la costituzione dal notaio

Costituizione di una startup dal notaio

Tutto un altro discorso è invece quando si decide di affidarsi ad un notaio per la costituzione di una startup.

Le imposte verranno pagate direttamente dallo studio notarile e la procedura verrà ovviamente presa in carico dallo stesso.

Questo si traduce in un risparmio di tempo notevole, per due motivi principali:

  • non dovrai preoccuparti delle questioni burocratiche;
  • il notaio sà esattamente quali informazioni è necessario e come comunicarle grazie anche alla collaborazione con consulenti specialisti in startup che lo supportano in tutte le fasi.

Non dovrai perciò revisionare alcun documento in caso di errori.

Una costituzione notarile con contestuale iscrizione alla sezione speciale del Registro Imprese avviene solitamente in un tempo che per nostra conoscenza pratica può variare dai 5 ai 10 giorni, anche qui dipende molto dalla Camera di Commercio.

Certo, affidandosi ad un notaio bisogna considerare il prezzo della sua prestazione alla quale aggiungere quello dei consulenti specialisti

Molto dipende da chi ci si affida e dalla difficoltà del tuo progetto e della tua pratica.

Solitamente si parla comunque di una cifra che complessivamente si aggira intorno ai 2.500 euro imposta di registro inclusa, per un capitale sociale di € 10.000.

 

Conclusione

Quindi, è meglio costituire una startup online e autonomamente o facendosi aiutare da esperti del settore?

Non c’è dubbio che costituire una società, che essa sia una startup o meno, non è uno scherzo.

Una startup ha bisogno di muoversi velocemente e inutili ritardi causati da poca chiarezza nelle procedure da seguire sono assolutamente da evitare.

Per questo motivo ti consigliamo un nostro partner, Creazioneimpresa.

CreazioneImpresa.net è una società benefit nata da un network di professionisti senior specialisti in startup che offrono assistenza dalla costituzione, al business planning, al funding, alla gestione di piani di incentivazione e work for equity, oltre che assistenza contabile, fiscale e legale.

Il benefit per i lettori di Startup Geeks: 10% di sconto sui loro servizi.

Richiedi un preventivo compilando il form.

Post recenti

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

close

Inizia a digitare e premi invio per effettuare una ricerca

search