Imprenditoria femminile in Italia: dati e 7 esempi di startup fondate da donne

Imprenditoria femminile

Fare startup può essere sfidante e non dovrebbe diventarlo ancora di più solo perché si è donna e magari anche mamma.

Per questo motivo abbiamo analizzato la situazione imprenditoriale femminile nel nostro paese e abbiamo selezionato 7 startup fondate da mamme imprenditrici e che hanno partecipato allo Startup Builder e/o membri di Innoplace per dimostrare che non bisogna arrendersi.

Buona lettura!

 

Startup e imprenditoria al femminile: qualche dato

Per parlare di questo argomento siamo partiti con l’analizzare il report sull’imprenditoria femminile realizzato da Unioncamere e aggiornato nel 2020 (clicca qui per scaricarlo).

In Italia, le imprese guidate da donne al terzo semestre del 2020 erano solo 1.336.646, pari al 22% del totale, distribuite con maggiore concentrazione:

  • per il sud in Molise, Basilicata e Abruzzo;
  • per il centro in Umbria, Toscana e Marche
  • per il nord in Valle d’Aosta.

Di queste, la maggior parte opera in settori legati a:

  • wellness;
  • sanità e assistenza sociale;
  • manifattura e moda;
  • istruzione;
  • turismo e cultura.

Emerge poi una significativa attenzione alla responsabilità sociale d’impresa: le imprese femminili, rispetto a quelle non femminili, sono più green-oriented (31% ha investito nella sostenibilità ambientale consapevole dei rischi legati al cambiamento climatico contro il 26% delle altre imprese) e adottano più pratiche di welfare aziendale (il 72% contro il 67%).

Dopo questa breve carrellata di dati che spero ti abbiano dato un’idea del panorama imprenditoriale femminile italiano, partiamo con i progetti che abbiamo selezionato, dimostrazione che essere mamme e imprenditrici è possibile.

 

Esempi di startup fondate da donne

Levante, di Sara Plaga

Startup al femminile - levante

Sara Plaga è co-founder di Levante, una startup green-tech che si occupa di pannelli fotovoltaici estendibili a origami, composti da materiale riciclabile, fatti per la mobilità e i segmenti off-grid. Ha una figlia di due anni, Aurora, ed è attualmente incinta.

Il suo background accademico comprende una laurea triennale e magistrale all’Università Bocconi in Management for Arts, Culture, Media, Entertainment. Una volta laureata, ha fatto un’esperienza lavorativa di un anno in Australia. Una volta tornata in Italia ha lavorato per 10 anni come Product Marketing Manager nel settore degli occhiali sportivi per l’azienda Carl Zeiss.

 

WizMyParty, di Serena Mauri e Silvia Colombo

wizmyparty

Serena Mauri e Silvia Colombo hanno due figlie ciascuna e sono co-founder di WizMyParty, una startup lifestyle, un portale dedicato al mondo degli eventi privati, comprensivo di strumenti e prodotti per l’organizzazione degli eventi.

Silvia ha un background accademico incentrato sulla comunicazione, mentre Serena sul turismo e l’organizzazione di eventi.

 

Optimens, di Olga Puccioni

optimens

Olga Puccioni, mamma di cinque figli, è co-founder di Optimens, una startup nel settore della neuroscienza cognitiva, la quale ha l’obiettivo di sviluppare soluzioni per contrastare l’impatto del declino cognitivo legato all’invecchiamento.

Olga ha alle spalle un dottorato, un percorso di ricerca scientifica in neuroscienze cognitive. Fa ricerca specifica sull’invecchiamento, dove ha scoperto un gap tra quello che la ricerca diceva sull’invecchiamento e quello che si dice sull’invecchiamento. Ha poi svolto un master in Complex Action.

 

Lexup, di Simona Baseggio

lexup

Simona Baseggio, mamma di tre bambini, è la founder di Lexup, una startup in ambito legal tech, il cui obiettivo è, tramite app, facilitare la user experience degli attori del mondo legale e rendere agevole il reperimento delle note e degli appunti, tra edizioni di codici diversi.

Dopo la laurea in Fisica ha deciso di cambiare strada, concentrandosi sulla laurea in Economia e diventando Consulente Giuridico D’Impresa. Ha lavorato quindi come Dottore Commercialista.

 

NowCulture, di Irene Sánchez Guillén

nowculture

Irene Sànchez Guillèn, mamma di un bambino di un anno e mezzo, è founder di NowCulture, che mette in contatto immediato viaggiatori e guide turistiche in Italia.

La mission è aiutare i viaggiatori a soddisfare le loro curiosità culturali facilitando l’incontro con i professionisti del settore.

Irene ha studiato Belle Arti a Valencia nella Facultad di San Carlos e ho fatto l’erasmus nell’accademia Albertina a Torino. Si è poi specializzata in Design.

Ha inoltre lavorato come fotografa in vari contesti: uno di questi l’ha portata in Messico per 7 mesi.

 

Il mio armadio etico, di Flavia Aligjoni

Startup al femminile - ilmioarmandioetico

Flavia Aligjoni, mamma di due bambini, è la founder di Il Mio Armadio Etico, un e-commerce multimarca di abbigliamento biologico certificato per bambini. Flavia vuole creare una realtà verticale sul vestire ecologico per offrire una qualità socialmente responsabile.

Flavia ha studiato per diventare operatrice turistica, dopo il quale ha avuto un’attività in proprio e ha lavorato per un’agenzia di viaggi. Dopo si è accorta del fatto che le mancava qualcosa. Così si è laureata in lingue e ha lavorato come impiegata logistica export per il Nord Africa, per poi passare al suo attuale impiego come commerciale estero.

 

Family Days, di Giada Garzone e Marina Casella

Startup al femminile - familydays

Erika Giada Garzone e Marina Casella, entrambe mamme di due figli, sono co-founder di Family Days, la nuova piattaforma di esperienze per famiglie. Durante il 2020, con la pandemia, il lockdown, e l’intuizione di come il tempo trascorso con i propri bambini in esperienze di valore fosse diventata un’esigenza sempre più sentita, Family Days si è evoluto da semplice portale di informazioni a marketplace di esperienze.

Erika Giada ha un background accademico in comunicazione e marketing, accumulando poi 12 anni di attività in questo settore, consolidando le proprie competenze in ambito Marketing e Pubbliche Relazioni. Marina invece, dopo la laurea in lingue, ha accumulato esperienza come Congress Associate & Administrative coordinator, occupandosi della coordinazione di eventi aziendali e della comunicazione interna ed esterna e della gestione degli eventi locali ed aziendali.

 

Giungiamo così al termine di questo articolo.

Speriamo ti abbia fatto piacere scoprire di più su questi progetti tutti al femminile che abbiamo supportato durante il nostro percorso di incubazione Startup Builder.

Se ti interessa scoprire dello Startup Builder, il nostro programma di incubazione di 12 settimane, puoi cliccare qui.

A presto!

close

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

search