Marketing plan: definizione, struttura ed esempi pratici

Marketing plan

Il Marketing Plan è un documento aggiuntivo del Business Plan che sintetizza la strategia di marketing dell’azienda o della startup.

In poche parole è il financial plan del marketing.

In questo articolo scoprirai cos’è per l’esattezza un Marketing Plan e come redigerlo. Iniziamo!

Cos’è un marketing plan

Cos'è un marketing plan

Il Marketing Plan o Piano di Marketing può essere definito come la sintesi della strategia di marketing di un’azienda che contiene:

  • gli obiettivi aziendali;
  • le azioni da mettere in atto in campo marketing per raggiungerli.

Il Marketing Plan ha quindi due funzioni principali:

  1. internamente, permette allo startupper di avere in un unico documento tutte le informazioni necessarie per l’implementazione della strategia;
  2. esternamente, comunica agli investitori (attuali o futuri) cosa si sta facendo concretamente per raggiungere i goals e aumentare la crescita della startup.

 

La struttura di un marketing plan

La struttura di un marketing plan

Prima di tutto vediamo da cosa è composto un Marketing Plan, quali informazioni deve contenere e quanto approfondite.

Facciamo innanzitutto un breve elenco e poi approfondiamo ciascun punto.

Ecco cosa non può mancare in un Marketing Plan:

  1. Ricerca di mercato, analisi swot e analisi dei competitor;
  2. Obiettivi strategici e operativi;
  3. Target;
  4. Marketing Mix;
  5. Budget;
  6. KPI;
  7. Analisi di scenario.

 

Ricerca di mercato, analisi swot e analisi dei competitor

La prima parte del tuo Marketing plan deve analizzare in modo approfondito

  • il tuo mercato di riferimento;
  • il tuo business;
  • i tuoi competitor.

Le ricerche di mercato, analisi swot e analisi dei competitor dovranno diventare i tuoi migliori amici perché è da qui che parte tutto: senza dati e statistiche non puoi andare da nessuna parte.

Immagina il marketing come una moneta formata da due lati entrambi imprescindibili, l’uno non può vivere senza l’altro: la creatività e l’analisi.

Solo a partire dai dati e le informazioni raccolte, potrai poi prendere le decisioni di marketing migliori, usando la creatività.

 

Obiettivi strategici ed operativi

Dopo aver fatto tutte le analisi del caso, ora puoi passare a stabilire gli obiettivi, che si possono dividere in:

  • strategici, a lungo termine;
  • operativi, a breve termine.

I primi definiranno quello che si vuole raggiungere da qui a 5 anni, i secondi invece daranno delle indicazioni più concrete e misurabili di risultati da realizzare nel breve periodo per poi raggiungere il traguardo finale.

 

Target

Qual è il tuo mercato di riferimento? Chi sono i tuoi clienti?

In questa sezione del Marketing Plan devi indicare i gruppi di riferimento della tua startup/azienda, ovvero quei segmenti di pubblico su cui intendi focalizzarti.

Per un migliore posizionamento, puoi utilizzare le buyer personas: personaggi fittizi che rappresentano un tipico consumatore del segmento che vuoi servire.

Così facendo, puoi migliorare la tua offerta in base alle loro necessità.

 

Marketing mix

Bisogna poi includere nel marketing plan anche il marketing mix, ovvero l’insieme degli strumenti necessari per raggiungere gli obiettivi stabiliti.

Il marketing mix è composto dalle famose 4P: product, price, place, promotion.

  • Prodotto: non riguarda solo il mero prodotto che vuoi offrire, ma comprende anche tutti gli aspetti come il packaging, l’etichetta e le gamme di prodotti. Devi capire che prodotto soddisfa i bisogni del consumatore, quali caratteristiche deve avere, come e dove verrà utilizzato, in che modo si differenzia da competitor ecc.
  • Prezzo: rappresenta la quantità di denaro che i consumatori devono spendere per comprare il tuo prodotto. In questo caso dovrai analizzare qual è il valore che il prodotto ha per il consumatore, se il cliente è sensibile al prezzo e quindi quanto è disposto a pagare ecc.
  • Distribuzione: la gestione dei canali di distribuzione consiste nel rendere il tuo prodotto disponibile al consumatore nel posto giusto al momento giusto, e riguarda quindi la distribuzione del prodotto al consumatore finale. Dovrai trovare i giusti canali di distribuzione per raggiungere il tuo cliente, a seconda delle sue necessità e abitudini, e capire se ti servirà della forza lavoro.
  • Promozione: comprende tutte quelle attività e strumenti per comunicare, nel miglior modo possibile, il tuo prodotto al pubblico.

In ognuno di questi casi, le decisioni che prenderai dovranno essere coerenti con la strategia di marketing, il mercato di riferimento e il posizionamento del brand.

 

Budget

Ricordati nel marketing plan di menzionare anche il budget che hai disposizione.

Alle volte il budget è già stato definito esternamente, altre volte invece è il team marketing che decide quante risorse monetarie sono necessarie per portare avanti il piano di marketing.

Il concetto quindi è sviluppare una strategia di marketing efficace a partire dalle risorse che hai a disposizione.

 

KPI

I KPI (Key Performance Indicator) sono delle metriche di vario tipo, utilizzate come strumento di controllo della performance dell’azienda, per esempio in relazione ad una campagna di marketing.

Rispetto agli obiettivi che avevi stabilito, che risultati sei riuscito ad ottenere?

A seconda del gap tra obiettivi e risultati, infatti, potrai mettere in atto delle azioni mirate a ridurre sempre più questo gap.

Oppure, se la tua startup deve ancora essere lanciata sul mercato potrebbe essere utile anche solo indicare quali KPI terrai sotto controllo.

 

Analisi di scenario

Quando si redige un piano di marketing è fondamentale anche prepapare un’analisi di scenario, ossia identificare degli scenari alternativi.

L’analisi di scenario è uno strumento essenziale per contrastare l’incertezza: cambiando uno o più fattori potrai creare differenti scenari e vedere così l’impatto di ciascun fattore sul risultato finale.

Ad esempio, se aumenti il prezzo del prodotto di 10 euro, qual è l’impatto sulle vendite?

In poche parole, fai alcune ipotesi più e meno ottimistiche così da essere preparato a tutti i casi possibili e individuare quali sono gli elementi che hanno un maggiore impatto sulle vendite.

Includi anche questa analisi nel tuo marketing plan per dimostrare agli investitori che hai un piano B.

 

Esempi e templates di un marketing plan

Template marketing plan

Ti sono chiari quali sono gli steps per fare un marketing plan ma vorresti avere a disposizione un esempio pratico per capire meglio?

Nessun problema, a questo link puoi trovare un esempio di marketing plan di un’azienda.

Inoltre, qui puoi scaricare tanti altri templates di diverso tipo, come ad esempio un digital marketing plan.

E con questo, abbiamo concluso l’argomento business plan e dintorni.

Speriamo di esserti stati utili e ti aspettiamo presto su Startup Geeks!

Post recenti

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

close

Inizia a digitare e premi invio per effettuare una ricerca

search