Come dare il nome ad una startup: i migliori consigli e generatori

Come dare il nome ad una startup: i migliori consigli e generatori

Il nome della tua startup è il modo più veloce che i tuoi potenziali clienti e investitori hanno per farsi un’idea di chi sei e cosa fai.

Per questo motivo è meglio assicurarsi che sia accattivante e facile da ricordare.

In questo articolo ti guideremo nella scelta del giusto nome per la tua startup e ti consigliamo anche alcuni generatori di nomi per startup per trovare il nome giusto per il tuo progetto.

Sei pronto? Iniziamo subito!

 

Le tipologie di nomi aziendali

Prima di iniziare con i consigli bisogna fare una piccola premessa. Ovvero, quali sono le tipologie di nomi aziendali.

Ecco i più diffusi:

  • Naming descrittivi
  • Naming astratti/di fantasia
  • Acronimi
  • Nomi coniati

Vediamo qualche esempio.

 

Nomi descrittivi

Per naming descrittivi si intendono quei nomi che descrivono palesemente cosa fa l’azienda o la startup.

Alcuni esempi possono essere:

  • Just Eat
  • Trenitalia
  • Vetril

 

Nomi astratti o di fantasia

Ci sono poi nomi astratti o di fantasia che sono stati inventati.

Basti guardare Google, Slack o Trello

Nomi che non hanno alcun significato apparente ma che vengono ricordati molto facilmente.

 

Acronimi

Gli acronimi invece sono quei nomi aziendali che sono formati dalle iniziali di più parole.

Spesso vengono usati nel mondo automobilistico, come per la FIAT, FCA, ALFA romeo o BMW.

 

Nomi coniati

Infine ci sono i nomi aziendali coniati, ovvero nati dall’unione di più parole.

Per esempio Accenture, derivante da Accent on the future oppure Salesforce e ActiveCampaign.

Ottimo, ora che hai una panoramica generale passiamo a come scegliere il nome della tua startup.

 

5 consigli per scegliere il nome della tua startup

Vediamo insieme qualche consiglio per dare un nome ad una startup.

 

Il nome non deve essere una descrizione

Spesso capita, soprattutto nel settore tech, che le aziende utilizzano il loro nome per descrivere cosa fanno.

Nonostante possa sembrare corretto, rischia invece di essere una gabbia dentro cui ci si chiude.

Il primo motivo per cui non dovresti scegliere un nome descrittivo per la tua startup è perchè è più difficile da ricordare e tu vuoi essere ricordato.

Inoltre c’è rischio che invecchi velocemente, mentre la startup cresce o fa pivot.

Succede quindi che il nome con cui la startup ha lottato tanto per farsi conoscere non rispecchia più ciò che fa o semplicemente non è sufficiente perchè adesso fa molto di più.

Il consiglio è quindi quello di scegliere un nome che alluda a ciò che la tua startup vorrà essere nel futuro.

Per capirlo potrebbe esserti utile definire Vision, Mission e Valori aziendali.

 

Cerca di essere unico

Questo è un tema ricorrente nel mondo delle startup. Ci viene detto quando si definisce la Unique Value Proposition, quando si valida l’idea e quando bisogna diversificarsi dai competitor.

Ovviamente anche il nome della tua startup deve essere diverso e questo non per evitare di rubare il marchio registrato di qualcun’altro.

Un nome unico che colpisce l’utente ha molta più probabilità di essere ricordato.

E non solo, anche di essere cliccato quando appare nei risultati di ricerca di Google.

Questo non significa che devi per forza inventare nuovi termini. Puoi anche sfruttare quelli del dizionario, basta che spicchino sugli altri.

 

Pensa ad un nome corto, semplice e disponibile

Il nome della tua startup dovrebbe soddisfare tutte e tre queste caratteristiche:

  • corto;
  • semplice;
  • disponibile.

Partirei dall’ultimo. In che senso un nome dovrebbe essere disponibile?

Nel senso che non deve essere già utilizzato da qualcun altro, anche se non l’ha ancora registrato ufficialmente.

Quando pensi ad un nome controlla sempre che sia ancora disponibile sui social network e come dominio web per evitare brutte sorprese. Ma questo non dovrebbe essere un problema se ha seguito il punto precedente.

Inoltre, assicurati che non sia già registrato come marchio. Per fare questo ci sono varie banche dati gratuite che puoi consultare, come ad esempio TM View. Questo aspetto è molto importante per evitare di incorrere in cause legali ed essere costretti a cambiare il nome dal momento che era già stato registrato da un’altra azienda.

Gli altri due punti (corto e semplice) sono invece più immediati da comprendere, questo perchè entrambi si rifanno a temi già espressi in questo articolo: la nostra memoria che purtroppo è limitata.

Un nome semplice e corto è più facile da ricordare e banalmente anche più facile da cercare su internet.

 

Attento ai significati nascosti delle parole

Le parole non hanno il solo significato letterale, ne hanno anche uno “psicologico”.

Questo significato che purtroppo non si trova nel dizionario è forse quello a cui dovresti stare più attento mentre scegli il nome della tua startup.

Per esempio la parola letto per la maggior parte delle persone è connessa al riposo/tranquillità, al contrario di traffico che invece rimanda ad un momento di stress.

Perciò pensa attentamente a quello che vuoi comunicare e usa le parole giuste.

Per farlo possono aiutarti i tuoi amici e i tuoi familiari ai quali puoi chiedere cosa provano quando gli esprimi un determinato concetto.

 

Studia e analizza le tue buyer persona

Eri venuto qui per scegliere il nome della tua startup e non per parlare di buyer persona. Verissimo, ma aspetta che ti spiego il nesso tra le due cose.

Quando si studia marketing, una delle nozioni più ricorrenti è quella dell’importanza di conoscere il cliente e adattare la comunicazione al suo linguaggio.

Niente di più vero anche quando devi decidere come chiamare la tua startup.

Pensa a quali sono i temi che stanno più a cuore al tuo pubblico e se non ne hai ancora uno basati sulle interviste e sui questionari di validazione.

Cosa vuoi comunicare con il nome della tua startup? Rispondi a questa semplice domanda.

 

I migliori generatori di nomi per startup

Ora che conosci le 5 “regole” è il momento di scoprire i migliori generatori di nomi per startup.

Ovvero dei tool che possono darti degli spunti davvero interessanti per decidere come chiamare la tua startup.

Infatti la maggior parte di questi generatori uniscono parole differenti e/o suffissi/prefissi per generare nuovi nomi.

Vediamoli più nel dettaglio.

 

Namelix

Namelix funziona inserendo una parola chiave descrittiva del tuo business, come il settore o quello di cui ti occupi, e selezionando la lunghezza e lo stile del nome desiderato.

Si tratta forse del generatore di nomi per startup più interessante di questa lista proprio per le sue possibilità di personalizzazione.

 

Lean Domain Search

Anche se Lean Domain Search non nasce per trovare nomi per startup può comunque tornarti utile.

Inserendo una parola chiave ti fornisce dei risultati composti dalla parola che hai inserito più un nome o un aggettivo.

Molto utile è la possibilità di vedere se il dominio web è già registrato.

 

Impossibility!

Impossibility! funziona invece decidendo cosa aggiungere (tra nomi, aggettivi, lettere o tutti e tre) prima o dopo della parola di tuo interesse.

Si otterranno quindi una serie di composizioni tra cui magari potresti anche trovare il nome per la tua startup.

 

Namesmith

Namesmith.io è un altro generatore di nomi per startup che ti permette di descrivere in cosa consiste il tuo business con 5 termini e lui ti fornirà dei potenziali nomi tra cui scegliere.

 

Wordoid

Infine arriviamo a Wordoid.

Dopo aver scelto la lingua, la qualità delle risposte, la parola chiave (non obbligatoria) e la lunghezza verranno forniti una serie di risultati.

I nomi sono molto creativi e a volte non corrispondono a parole reali ma questo non è un problema, basti guardare Google.

Con questo abbiamo terminato i nostri consigli su come trovare il nome per la tua startup.

In bocca al lupo con la tua ricerca!

Post recenti

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

close

Inizia a digitare e premi invio per effettuare una ricerca

search