Outsourcing: cos’è e come può ridurre i costi della tua startup

Outsourcing, cos'è, quando e perchè farlo

Quando si è startupper spesso ci si ritrova a dover fare outsourcing perché il tempo è limitato, molte attività richiedono competenze specifiche e sono esageratamente time consuming.

Ottimo. In questo articoli ti faremo scoprire cos’è esattamente l’outsourcing, come funziona e quando ha veramente senso farlo.

Curioso? Iniziamo!

Cosa significa outsourcing

Partiamo dalla teoria.

La definizione che Treccani ci lascia di outsourcing è: “comportamento di un’azienda che, nel definire le caratteristiche strutturali del proprio processo produttivo, decide di affidare all’esterno,[…], lo svolgimento o di un’intera funzione o di una parte delle proprie attività.”

Semplificando, outsourcing significa esternalizzare.

Facciamo qualche esempio.

La tua startup ha bisogno di una piattaforma web, purtroppo però nè tu nè il tuo co-founder sapete programmare. Allora che fare? Vi affidate ad un’azienda esperta in sviluppo software.

La domande sorge però spontanea: quando è davvero necessario usufruire dell’outsourcing?

La risposta è ovviamente dipende. Dipende da alcuni fattori che vediamo immediatamente.

Se sei interessato ad esternalizzare alcune attività della tua startup visita la pagina dedicata ai fornitori consigliati nella nostra piattaforma. Troverai, tra gli altri, il partner tecnico per lo sviluppo di app o siti web e il partner legale. Scopri cliccando qui i migliori fornitori di servizi per startup.

 

Quando scegliere l’outsourcing per la tua startup

Quando scegliere l'outsourcing

Quindi, quando dovresti preferire l’outsourcing al classico “fai da te”?

Il primo elemento imprescindibile da prendere in considerazione è quanto quella determinata attività è chiave per la tua startup.

Mi spiego meglio con un esempio.

Immagina di avere un’idea che vuole rivoluzionare il fare la spesa tramite un’applicazione che sfrutta l’intelligenza artificiale.

Una volta che avrai selezionato le tue abitudini di spesa e i tuoi prodotti preferiti ti crea automaticamente la lista della spesa e ti dice dove, al supermercato di fiducia, si trovano tutti i prodotti che ti servono.

L’app in questione non potrà essere sviluppata tramite outsourcing, esternamente, e questo per un semplice motivo: vuoi possedere pieno controllo sulle sue funzionalità e sul funzionamento.

Non puoi ogni volta che hai un problema chiedere aiuto a qualcun altro che non conosce il progetto come lo conosci tu.

Se non sai sviluppare, in queste circostanze, è meglio assumere uno sviluppatore interno.

Benissimo, e oltre a questo? Quando l’outsourcing ha senso? Quando:

  • hai bisogno di tempo: spendi più tempo a fare outsourcing o a fare autonomamente?
  • non hai le risorse adatte: spendi di più ad esternalizzare o continuando internamente?
  • non hai le competenze: hai le skill per fare quello che hai in mente o ti serve aiuto?

Rispondi a queste domande e capirai se l’outsourcing fa per la tua startup.

 

Quali attività destinare all’outsourcing

Per quale attività fare outsourcing

Non tutte le attività possono essere gestite tramite outsourcing, alcune devono rimanere interne.

Pensa banalmente alla gestione aziendale, può essere portata avanti solo da chi quell’azienda la vive internamente e quotidianamente.

Vediamo allora quali attività ha senso destinare all’outsourcing.

 

Risorse Umane

Tra le cause primarie di fallimento di una startup c’è un cattivo management.

Reclutare i migliori talenti e assumere il candidato perfetto non è un’impresa facile.

Spesso, ci vogliono mesi per occupare una posizione, e nel frattempo non ti stai dedicando a tutte le altre attività che possono far crescere la tua startup.

L’outsourcing potrebbe essere la soluzione a questo problema. Tu potrai dedicarti al 100% al tuo progetto e qualcuno, magari con esperienza nell’ambito, cercherà per te i tuoi collaboratori.

La prima area che può quindi avere senso esternalizzare è la gestione delle risorse umane.

 

Contabilità

La maggior parte delle startup e delle piccole imprese non ha bisogno di un team interno che gestisca la contabilità a tempo pieno.

Se quindi hai bisogno di qualcuno che tenga sotto controllo gli aspetti finanziari e contabili puoi affidarti ad un commercialista.

L’outsourcing ti permetterà di risparmiare molto tempo.

 

Aspetti legali

Lo stesso vale per le questioni legali. A meno che tu non abbia una laurea in giurisprudenza hai sicuramente bisogno di un avvocato che ti aiuti a definire, per esempio, i contratti.

Certo, potresti anche assumere un avvocato che lavori full time per te, ma ne hai davvero bisogno?

Fare outsourcing è la soluzione migliore anche in questo caso.

 

Inserimento ed elaborazione dei dati

L’inserimento e l’elaborazione dei dati raccolti dalla tua startup è un processo aziendale che può essere facilmente esternalizzato.

Anche quando automatizzato richiede infatti molto tempo e attenzione.

Anche qui l’outsourcing è la tua salvezza. Dei professionisti esterni ti possono aiutare a immettere, ordinare e analizzare i dati in modo efficiente.

E visto anche la mole sempre crescente di dati che ci circondano, sarà sempre più il tempo che dovrai dedicargli se decidessi di occupartene tu stesso.

 

Digital Marketing

Non si può costruire un marchio dall’oggi al domani.

Per farlo è necessario dedicargli tempo, risorse e competenze per creare una strategia di digital marketing efficace ed efficiente.

Il marketing comporta la creazione di molti contenuti di valore, per cui può essere necessario affidarsi ad un’azienda esterna.

Fare outsourcing può aiutarti non solo a risparmiare tempo ma anche a stabilire i giusti passi strategici per ottenere i tuoi obiettivi, soprattutto quando hai poche competenze in questo ambito.

 

Sviluppo software

Siamo circondati da software, ci lavoriamo e li usiamo anche per intrattenerci.

Tuttavia crearli non è facile, servono competenze specifiche e moltissimo tempo.

Se la tua startup ha bisogno di una piattaforma web o di una applicazione, l’outsourcing può essere la scelta migliore.

Attenzione però, esternalizza solo quando questa non è la funzionalità chiave della tua startup.

Ma di questo ne abbiamo già parlato nel secondo paragrafo.

 

I benefici nel fare outsourcing

I benefici dell'outsourcing

Ottimo, ma perchè mai dovresti faticare nel cercare il fornitore giusto per fare outsourcing quando puoi assumere una risorsa interna che puoi “controllare” più facilmente?

Per 4 motivi, eccoli.

 

Il tempo salvato

Ne abbiamo parlato molto in questo articolo e sicuramente è uno dei vantaggi più palesi dell’outsourcing: il tempo risparmiato.

Molte delle attività che abbiamo elencato sopra sono eccessivamente time consuming, oltre che bisognose di competenze.

Fare outsourcing ti aiuterà a risparmiare molto tempo per dedicarlo alle cose più importanti.

 

Rimani concentrato sulle attività importanti

La conseguenza dell’outsourcing è scontata: più tempo avrai, più lo potrai dedicare alle attività importanti.

Ed è proprio questo il secondo beneficio dell’esternalizzare.

Uno startupper è sommerso dal lavoro, ha mille attività da portare a termine e altrattante cose a cui pensare.

Elimina il superfluo, tutto quello che può benissimo fare qualcun altro.

 

Vantaggio sui competitor

Uno dei fattori che i clienti prendono in considerazione quando devono scegliere quale prodotto acquistare è sicuramente il prezzo.

Cercano di capire quale offre le funzionalità migliori al miglior prezzo (ovviamente non sempre è così, ma spesso sì).

Se riesci a mantenere i prezzi bassi avrai un vantaggio sui competitor.

L’outsourcing ti permette infatti di risparmiare, solo se però ha senso farlo, ma di questo abbiamo già parlato.

 

Flessibilità economica

L’outsourcing può essere la tua salvezza come la tua rovina, economicamente parlando.

Da una parte ti libera dai costi fissi che comportano un dipendente, dall’altra ti pone a dei rischi non indifferenti.

Quello che devi valutare è quale, tra outsourcing e internalizzazione, è la strada con il rapporto costo/beneficio più alto.

E non dimenticarti di valutare quanto quell’attività è centrale nel tuo progetto.

Questo era l’ultimo beneficio. Speriamo di averti aiutato nella tua decisione. Se hai altri dubbi non esitare a scrivere un commento qui sotto.

A presto!

Post recenti

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

close

Inizia a digitare e premi invio per effettuare una ricerca

search